Accedi al sito
Serve aiuto?
  • Tel: 081 250 80 92
  • info@soluzionebenessere.eu

Pump

La prima parte dell’allenamento constata di serie e di ripetizioni alte con una forte attivazione del metabolismo anaerobico, con produzione e conseguente accumulo di acido lattico che, a causa della sua composizione tossica per l'organismo, provoca forte affaticamento, sia fisico che psicologico. Riuscendo a continuare l'attività, gli atleti, grazie all'allenamento, cominciano ad attingere le forze dal metabolismo aerobico.
Le fasce muscolari sottoposte a maggior lavoro sono quelle di tipo 1 o lente che sfruttano il metabolismo ossidativo ma il successivo aumento di forza dipende dal lavoro e dal fievole aumento di massa muscolare a carico delle fibre muscolari di tipo intermedio che sfruttano anche il metabolismo di tipo lattacido e sono una via di mezzo tra le fibre di tipo 1 e 2. Ovviamente le linee di demarcazione sono spesso alquanto sfumate; dipendono molto dai carichi utilizzati e dal tipo di sequenza e di velocità con i quali si svolgono le ripetizioni.
L'allenamento porta a un adattamento specifico che si traduce in un miglioramento anaerobico, aerobico e cardiovascolare.